AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

Contratto Gomma e Plastica, adesso i padroni rivogliono indietro i soldi

Nazionale -

Avevamo definito una presa in giro per tutti i lavoratori il rinnovo del CCNL Gomma e Plastica per gli anni 2016/2018.


Come era facilmente pronosticabile, la verifica degli scostamenti inflattivi previsti dall’art.70 del CCNL porterà un ulteriore ridimensionamento dei già ridicoli aumenti salariali previsti nel contratto (76 € lordi al livello F). Infatti il rilevamento ISTAT per l’anno 2016 ha rilevato una differenza a favore delle imprese, tra l’inflazione prevista a livello di rinnovo contrattuale e quella reale pari ad un punto % di circa 19 €.


Cgil, Cisl e Uil, per evitare l’ennesima figuraccia, avevano proposto di trasferire la differenza economica in un elemento distintivo del reddito (EDR) da erogare a tutti i lavoratori, ma defalcandola dalla tranche del 01 Gennaio 2018. Quindi sempre con i nostri soldi.


Proposta totalmente rigettata dalla Federazione Gomma e Plastica che quei soldi li rivuole indietro.


Dopo il rifiuto a trattare da parte di FGP, le organizzazioni di categoria di Cgil, Cisl, e Uil “minacciano sfracelli” dimenticando nei fatti che il CCNL è STATO SIGLATO E CONDIVISO proprio da FGP e Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil, che ora lo contrastano e cercano invano un confronto.


Questi sono i risultati di CCNL costruiti senza il consenso dei lavoratori e con piattaforme rivendicative che, sia nella sostanza che nella forma, rispecchiano la complicità e l’inadeguatezza di sindacati che, pur di salvaguardare i loro interessi, con la marchetta degli enti bilaterali, del welfare aziendale ecc., accettano supinamente la logica della subordinazione alle richieste padronali.
L’Unione Sindacale di Base, alla luce di questi pessimi accordi, rilancia con forza l’obiettivo primario e la volontà di tutte le lavoratrici e i lavoratori a decidere concretamente sulle piattaforme rivendicative e sugli accordi che li riguardano.


Costruiamo con USB un’alternativa concreta, conflittuale, radicale e di massa al sistema dei sindacati complici, basato solo su favoritismi, clientele, e interessi economici, che nei fatti indeboliscono i diritti di tutti i lavoratori.
 
                                                                    

Unione Sindacale di Base/ Lavoro Privato